The Project Gutenberg eBook Vita e avventure di Riccardo Joanna by Matilde Serao

Tentatrice del peccato 406001

Appunto per annoiar meno i miei buoni lettori io adotto la forma del racconto, vestendo della vita del dramma i concetti che voglio esporre, e sarebbe stato un andar contro del tutto alle mie buone intenzioni, quella noia cui voglio risparmiare ai miei lettori, dargliela dal bel principio tutta concentrata nelle pagine pesanti di una prefazione. Lascio quindi ogni altro indugio ed entro di botto nel mezzo dell'argomento, dicendovi soltanto l'idea di questo lavoro essermi stata primamente ispirata dalle parole del nostro gran filosofo Vincenzo Gioberti, il quale in quell'aureo libro che è il Rinnovamento scriveva essere fra i debiti e i bisogni più urgenti dell'epoca nostra quello di elevare la plebe a grado e dignità di popolo. L'idea di questo mio scritto è certamente troppo superba ragguagliata alle mie poche forze; ma se queste riusciranno impari all'argomento, voi, diletti leggitori, mi userete indulgenza pensando alla rettitudine della intenzione. Era una notte d'inverno, ed una fitta nebbia copriva la città di Torino. Chi ha visto a quella stagione ed a quell'ora le brutte e infangate stradicciuole di quella parte dell'oradetta città che chiamano Torino vecchia; quelle stradicciuole in cui stanno raccolte e come a confino le miserie più gravi, i cenci più logori e le più scandalose turpitudini; chi le ha viste quando quella caligine nebbiosa le ingombra e depone sopra ogni cosa, sul selciato, sulle pareti annerite delle case, sui panni e in volto a chi passa, una specie di rugiada fredda e fastidiosa che ti punge con piccolissime goccie gelate negli occhi e ti immolla le vesti addosso e ti penetra sotto a dar freddo sino alle intime midolle; chi ha visto a quell'ora quei quartieri sa che cosa sia la cupa tristezza delle abitazioni dei poveri in mezzo allo squallore della miseria ed al cattivo tempo della stagione. Se t'avviene di passare per quei luoghi, tu senti quasi una mano di gelo posarsi adagio e pesar poi sul tuo cuore.

Maria Maggiore sono stati abbattuti. Festevole bambocciata surroga la rappresentazione di augusti misteri. La contrapposizione tra autentico e inautentico, ovvero tra arte implicata e attivitа applicata, si manifesta ancor più distintamente mettendo a confronto i due artisti nelle concomitanti mostre. E anche al nominalismo diede occasione Aristotele coll' beni insegnata piuttosto la dialettica che la logica, e presentate le idee e le argomentazioni vestite di vocaboli, ed esposti i nessi di questi più che di quelle; onde sul lemma materiale si pose più attenzione affinché sul suo significato invisibile e immateriale, in cui principalmente contemplava la attenzione di Platone. Questo universale ridotto alle ultime astrazioni è l' intelletto, cioи la mente, la quale viene nell' anima dal di fuori 3. Bensм posciachè l' anima non potrebbe acquisire questo intelletto, se non ne avesse la facoltà, dunque, dice Aristotele, l' anima ha l' intelletto in autoritа intelletto possibile ; ed acquista poscia dal di fuori l' intelletto in atto, mediante la facoltà di insediarsi al comune ed astrarlo intelletto guardia , ammettendo questo principio, che intellectus in actu est intellectum in actu. Ecco tutta la teoria dell' intelaiatura di Aristotele; la quale anima rimane sempre un atto, una perfezione, una entelechia del corpo, dalla quale si divide la mente, quando si perde la cognizione del comune, e si acquista la mente, quando quella conoscenza si riceve dai dati del senso; ma l' anima stessa non è dal corpo divisibile. Se egli la chiama forma , non è affinché dal corpo realmente la distingua; la chiama sostanza , ma per essenza intende l' ultimo atto perfezionatore di una data materia, a cui non è dato l' esistere da sè, senza la materia di cui ella è la perfezione, ossia l' entelechia 1.

Intitolato al mio Cherino Soufiane Il mio amore struggente è come il alito, non puoi vederlo ma potrai sempre percepirlo forte Marina. Segnala questo capitolo ad un amico. Invia un chiarimento a questo articolo. Torna indietro alla pagina del download.

This eBook is for the use of anyone anywhere at no cost and with almost no restrictions whatsoever. You may copy it, give it away or re-use it under the terms of the Project Gutenberg License included with this eBook or online at www. Paolo Joanna andava e veniva per la stanza, vestendosi, straccamente, adesso tutto pieno di sonno. Sul adatto letto disfatto stavano una quantità di giornali aperti e spiegazzati, cascavano dalla sponda, giacevano sul tappetino miserabile; erano quelli della sera innanzi, su cui si era addormentato, su cui si era arrotolato, dormendo: quelli della mane, ancora chiusi dalle fascette multicolori, erano deposti sul vecchio tavolino da barbarie, accanto a una tazza da caffè — e attratte dal fondiccio fangoso del caffè, dove lo zucchero si liquefaceva, le mosche vi ronzavano d'intorno — e un sottile odore d'inchiostro di stamperia restava nell'aria. Paolo Joanna si vestiva pianamente, per non risvegliare il suo figliuolo. In uno addossato lettuccio il piccolo [2] Riccardo dormiva, con una manina sotto la ganascia palliduccia, con le palpebre un po' ombrate di livido e socchiuse, insieme la fresca e rossa bocca schiusa: respirava leggermente, impercettibilmente. Aveva sul aspetto una espressione di stanchezza, e il corpicciuolo elegante, sottile, di fanciullo a sette anni, si allungava sotto il lenzuolo con una linea di abbassamento profondo: tanto che il padre voltandosi ogni tanto a guardare il adatto bimbo, diventava sempre più cauto nei movimenti, per paura di svegliarlo.