Disturbo da fantasia compulsiva: quando sognare ad occhi aperti fa male

Fantasia che 620786

Stare a casa significa avere tanto tempo a disposizione. Perché non approfittarne? Tra pizza, pasta fresca e ricette della tradizione, ecco dieci idee per tenerci su di morale. Ma, se non altro, ci regala la risorsa più preziosa di tuttequella che troppo spesso viene a mancare nelle nostre vite ordinarie: il tempo. Di dare spazio a tutte quelle attività che troppo spesso accantoniamo perché andiamo di fretta. Ecco le 10 attività da fare a casa che potrebbero restituirvi il buon umore. Radunate i vostri familiari, i vostri coinquilini o, alla peggio, avviate una videochiamata su Skype.

Se sei tu a pensare che alcune zone erogene vengono trascurate durante i rapporti, magari potresti lasciare questa facciata aperta e visibile sul tuo leggero la prossima volta che esci per andare a fare la spesa. Iniziamo a scoprire le otto zone erogene che devi assolutamente conoscere. Le labbra sono considerate infatti tra le prime zone erogene sia femminili che maschili. Da provare : concediti un bacio lento e passionale, come nei film; bacia le labbra del partner e delicatamente accarezzale con la lingua.

La psicologia moderna ha scoperto, inoltre, affinché fantasticare è segno di buoni processi creativi e quindi, sotto certi aspetti, con questo processo mentale , alleniamo la mente a rimanere attiva. Avvenimento succede quando il sognare ad occhi aperti supera determinati confini? Ti ritrovi a sognare ad occhi aperti ore ed ore della tua giornata al punto tale da influenzare negativamente la tua qualità di vita o le tue relazioni? Sebbene non sia un termine riconosciuto dalla comunità scientifica e medica, il concetto è stato coniato per la prima volta da Eli Sómer , Ph. Somer riteneva affinché a innescare il disturbo sia la presenza di un trauma o un abuso. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per verificare questa teoria. Anche per quanto riguarda i sintomi, dal attimo che non esiste una diagnosi autentico del disturbo, non esiste una sintomatologia ben definita.