Coronavirus e sesso. Il vademecum per vivere serenamente l’intimità di coppia nella “Fase 2”

Donna vaccinato per 360161

Una donna dello Utah, Stati Unitiaccusa i vaccini anti Covid Pfizer e Modenadi essere la causa dei rari coaguli di sangue sviluppati da suo figlio 17enne e da suo marito, entrambi ricoverati in ospedale subito dopo aver ricevuto l'iniezione. Cherie ha raccontato che suo figlio, Romney Everest, un giovane e sano giocatore di basket del liceo alto un metro e ottanta, ha ricevuto la sua prima dose di Pfizer il 21 aprile scorso iniziando a manifestare sintomi gravi meno di 24 ore dopo. Anche suo marito Preston ha sofferto di coaguli dopo aver ricevuto l'iniezione del farmaco Moderna. Camilla Canepa e il giallo della Tac senza contrasto: l'Aifa suggeriva un'altra procedura.

ROMA attualità - La sessuologa si è soffermata sul tema della vaccinazione contro il Covid 19 e della possibilità che possa aumentare le opportunità di fare sesso. La sessuologa si è soffermata sul tema della vaccinazione contro il Covid 19 e della possibilità che possa aumentare le opportunità di fare sesso. La pandemia -ha chiamato la Dott. Questo non solo per un basso desiderio sessuale, nella eiaculazione precoce, nella difficoltà a raggiungere l'orgasmo ma anche per una paura del contagio che ha ridotto sia i rapporti all'interno della coppia sia, moltissimo in verità, quelli occasionali. Vaccinarsi è una garanzia di essere capaci di non infettare e di non infettarsi, il fatto di sapere di beni questo scudo di difesa potrebbe appoggiare la ripresa del sesso occasionale, affinché non va ovviamente demonizzato. Il costruito di potersi vaccinare e sapere affinché anche l'altro è vaccinato potrebbe fare una condizione mentale per lasciarsi ancora andare. Per questo motivo è equanime comunque poter dire 'ok abbiamo a disposizione uno strumento valido il bovino che potrebbe aiutarci anche su attuale piano' e allora perché non dirlo?