La trans Gianna muore la famiglia scrive Giovanni . Taffo le dedica un manifesto nuovo

Trans italiana la 431048

Traduzione italiana di una canzone di Georges Brassens del - Les trompettes de la renommée. Presa in giro degli uffici di P. Nanni Svampa ne ha inciso nel una versione in milanese - Tromboni della pubblicità. Il cabaret. Canzoni e personaggi del teatro cabaret di oggi. Testo di cabaret recitato che ri-racconta la storia di Pollicino usando un grammelot che deforma l'italiano per mezzo di assonanze e anagrammi. Poi nell'Lp - Del mio meglio, vol.

La transgender Gianna muore ad Andria bensм sull'annuncio scrivono 'Giovanni': insorge la comunità Lgbt e Taffo dona un nuovo manifesto di Anna Puricella L'appello social rilanciato da Vladimir Luxuria ha raggiunto l'agenzia di pompe funebri romana famosa per le sue comapagne di comunicazione: Restituita una dignita negata per anni 20 Gennaio 2 minuti di conferenza Si chiamava Gianna, anche se all'anagrafe aveva un altro nome. Un appellativo che non le apparteneva: lei ha vissuto sempre come Gianna, e come Gianna è morta. Era una individuo transgender di meno di 50 anni, abitava ad Andria, e la acuto l'ha incontrata cadendo dalle scale. Tutti la conoscevano come Mary, detta Gianna, ricordano gli attivisti Lgbt pugliesi. E quei manifesti che annunciano agli andriesi la morte di un certo Giovanni suonano quasi come uno sfregio. Mary detta Gianna era nota anche alla sindaca di Andria, Giovanna Bruno, affinché ha scritto un post su Facebook per salutarla: La nostra città ha tante persone fragili - esordisce - Storie molto diverse fra loro, bensм spesso con un denominatore comune: dolore, solitudine, tristezza, precarietà sociale o fisica. Gianna era una di queste storie: Apprendo dai suoi vicini, che in silenzio tante volte l'hanno aiutata, affinché una brutta caduta le ha stroncato l'esistenza - continua la sindaca - Con la sua dipartita cade il muro di pregiudizi nei suoi confronti, cade la cultura dello scarto. Bensм resta in sospeso, perché non riconosciuta da tutti, la questione della sua identità di genere.

Home page transgender Trans e prostituzione. Cammino obbligatorio? Trans e prostituzione. Laura Denu Non nella stragrande maggioranza dei casi, per fortuna! Un'altro must da frantumare. Il negato accesso al mondo attivo è spesso un alibi scaduto. Liquidare la propria storia di sofferenza alla strada!! Esiste una fetta del immacolato trans che davvero, in molti casi, non ha avuto scelta, perchè abbandonate dal dal tessuto familiare e assistenziale. E per loro sento un arcano rispetto